Ti trovi in:

Servizi demografici » Anagrafe » Cambio di residenza

Cambio di residenza

di Mercoledì, 30 Marzo 2016
Immagine decorativa

Cosa fare quando si cambia indirizzo all'interno del Comune o si trasferisce la residenza con provenienza da altro Comune o dall'estero

Data di inizio pubblicazione 30/03/2016

Termine finale (in giorni) 45 giorni

Le dichiarazioni anagrafiche riguardanti

• trasferimento di residenza da altro Comune o dall’estero
• trasferimento di residenza all’estero
• costituzione di nuova famiglia o di nuova convivenza anagrafica
• mutamento nella composizione della famiglia o della convivenza
• cambiamento di abitazione all’interno del Comune
possono essere inoltrate al Comune non solo allo sportello comunale, ma anche per lettera raccomandata, per fax o per via telematica, ai recapiti di seguito indicati, inviando gli appositi modelli debitamente firmati e compilati ed i documenti richiesti.

La trasmissione telematica è consentita esclusivamente mediante una delle seguenti modalità: 
1. che la dichiarazione sia sottoscritta dal dichiarante con firma digitale; 
2. che il dichiarante sia identificato dal sistema informatico attraverso carta di identità elettronica o carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione; 
3. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante alla PEC del Comune; 
4. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmissione tramite posta elettronica semplice. 

La dichiarazione per essere accettata deve contenere necessariamente tutti i dati obbligatori previsti nell’apposito modulo ed essere accompagnata da copia del documento d'identità del richiedente, nonchè di tutte le persone che trasferiscono la residenza con esso. 
Tutti i componenti maggiorenni della famiglia devono firmare la richiesta. 
Fermo restando che la decorrenza giuridica del cambio di residenza parte, come sempre, dalla data di presentazione della dichiarazione, entro i 2 giorni lavorativi successivi alla presentazione dell’istanza, il richiedente sarà iscritto in anagrafe e potrà ottenere il certificato di residenza e lo stato di famiglia, limitatamente alle informazioni “documentate”. 

L’Ufficio Anagrafe, entro 45 giorni dalla dichiarazione, procede all’accertamento dei requisiti cui è subordinata l’iscrizione anagrafica. Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso, art. 20 legge 241/1990). 
In caso di accertamento negativo l’interessato sarà cancellato dall’anagrafe con effetto retroattivo, reiscritto in quello di precedente residenza con le conseguenze previste per le dichiarazioni mendaci rese a Pubblico Ufficiale.

Conseguenze in caso di  dichiarazioni mendaci
In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace; inoltre l'Ufficiale d'Anagrafe effettua apposita segnalazione alle Autorità di Pubblica Sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.

Riferimenti normativi

Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 (Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente)

D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223  (Regolamento anagrafico della popolazione residente)

Classificazione dell'informazione

Servizio

Servizi Demografici

Anagrafe- Stato Civile - Elettorale
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam